Carenza di Acido Folico

L’acido folico è una vitamina del gruppo B, che non viene prodotta dall’organismo umano, ma che deve essere invece assunta con la dieta. E’ un fatto ormai scientificamente riconosciuto che la carenza di acido folico in gravidanza è associato a una maggiore incidenza di gravissime patologie fetali malformative, soprattutto a carico del sistema nervoso centrale, come:

  • Difetti del tubo neurale (spina bifida, anencefalia)
  • Ritardo di crescita intrauterino
  • Partoprematuro
  • Invecchiamento precoce placentare
  • Difetti congeniti cardiaci e urinari
  • Labioschisi e labiopalatoschisi
  • Encefalocele
  • Riduzione degli arti

Ecco perché in gravidanza è raccomandata un’assunzione doppia (pari a 0,4 mg al giorno ) rispetto al fabbisogno normale di acido folico e in caso di carenza preconcezionale della vitamina, sarà necessario un suo ulteriore implemento.
Il giencologo avrà quindi l’obbligo di informare la gestante, sin dalla prima visita, riguardo la necessità di assumere degli integratori a base di folina e di assicurarsi che l’integratore venga assunto regolarmente, per evitare eventuali carenze, che possano comportare malformazioni fetali molto gravi.

Ti è piaciuto il post? Condividi!